In che modo le guide turistiche possono contribuire alla salvaguardia dell’ambiente

Il tema dell’ambiente, della sua salvaguardia e della necessità di adoperarsi per impedirne la graduale distruzione sono al centro dello sciopero mondiale in difesa del pianeta che si celebra oggi 15 Marzo. Partendo dall’esempio dell’attivista svedese Greta Thunberg, oggi in 1325 realtà mondiali, circa dodicimila cittadini scendono in piazza per manifestare contro l’inquinamento globale, in difesa del futuro del nostro pianeta.

Che ruolo ha il turismo nella tutela ambientale?…

Il turismo, si sa, è sempre un fenomeno di shock culturale, ambientale e sociale per i territori. Ma le dinamiche di crescita dei flussi verso le località turistiche possono essere controllati; e soprattutto si possono creare dei circoli virtuosi e delle buone pratiche di fruizione territoriale che siano rispettosi nei confronti dell’ambiente e dei suoi equilibri.

e che ruolo hanno le guide turistiche?

In questo possiamo, anzi, dobbiamo intervenire anche noi guide turistiche, contribuendo a determinare una corretta sensibilità ambientale.

Spesso trascuriamo questo nostro importante ruolo, ma come ambasciatori del territorio abbiamo l’obbligo e la responsabilità di impegnarci per la tutela e la conservazione dell’ambiente attraverso un
approccio corretto.
È nostro compito educare i visitatori alla corretta fruizione dei luoghi, nel rispetto delle normative vigenti in materia di beni culturali ed ambientali.

Come? Bastano alcuni piccoli accorgimenti.

Creare piccoli gruppi

Il primo passo per contribuire alla difesa dell’ambiente è quello di creare piccoli gruppi, soprattutto quando ci si reca in luoghi sottoposti a vincoli o tutele speciali, come ad esempio aree sic. Un piccolo gruppo (10/30 persone massimo), oltre che meno impattante sull’ambiente, è più facile da gestire ed ha più possibilità di stabilire un vero contatto con il luogo. In un piccolo gruppo è più facile tenere alta l’attenzione e condividere un’esperienza di contatto.

Dare delle regole

Le regole sono fondamentali per la corretta gestione di un gruppo in ambiente. Non solo permettono ai visitatori di sentirsi al sicuro, ma danno una dimensione concreta dell’attività che si sta svolgendo. Tra le prime regole, senz’altro rientra il “non toccare”. Può sembrare banale, ma l’educazione ambientale è qualcosa che non tutti hanno acquisito. Capita spesso di assistere a piccoli “furtarelli” di rocce, fiori o erbe aromatiche. La prima cosa da insegnare è che in natura si è ospiti!

Sensibilizzare, sensibilizzare, sensibilizzare!

Se in linea di principio tutti noi siamo portati ad attribuirci comportamenti pro-ambientali, nella pratica in pochi li perseguiamo davvero. Un’escursione o una visita sono contesti ricreativi e di svago, che tendenzialmente portano le persone ad evadere dalla routine. Questo bisogno di evasione, talvolta, può trasformarsi in un momento di rifiuto delle regole, che si traduce in comportamenti nocivi per l’ambiente: dall’abbandono dei rifiuti al citato sradicamento di arbusti o piante.

Onde evitare di gestire un turista irrispettoso, chiariamo subito le regole all’inizio dell’escursione. E se notiamo dei comportamenti scorretti verso l’ambiente, facciamolo presente a chi li commette!

Ma non solo. È opportuno avviare un’operazione di sensibilizzazione coerente, sia online, attraverso i canali web e social che normalmente si utilizzano per promuovere le proprie attività, sia offline, durante l’esperienza di visita stessa. Raccontare i territori in relazione alle loro peculiarità non significa soltanto fare una lezione di storia, di botanica ecc. Significa far apprezzare queste peculiarità in relazione al valore che possiedono e che appartiene a tutti e che, se impoverito, non sarà più godibile da chi arriverà dopo di noi. Far sentire le persone fortunate a poter beneficiare di tali ricchezze è il modo migliore per stimolare una riflessione critica sull’importanza che ciascuno di noi ha nel salvaguardarle.

Parleremo di questo e tanto altro nel corso di Marketing digitale per guide turistiche ed escursionistiche in programma a Cagliari il 21 e 22 Marzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *